Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

Un piccolo angolo di CANADA

15.01.2018 - IL “JEEP® STYLE” NON SOLO LO SI GUIDA; OGGI LO SI VESTE E LO SI VIVE.
E JEEP®, PER DUE STAGIONI A FILA, HA SCELTO L’ALPE CIMBRA PER INTERPRETARE IL SUO “MOOD”.
Era il 1941, e per noi l’America era “l’America”: un sogno. Gli accadimenti oltreoceano, in quei tempi, si andavano affermando come stilemi
sociali.
Jeep® è sempre stato un punto cardinale della nuova cultura sociale del dopoguerra al punto da diventare come marchio, esso stesso un
sostantivo. Non esisteva il fuoristrada, esisteva la “Jeep®”.
Non passava film di guerra o d’avventura in cui non si vedesse una “Jeep®”. Quando un brand e i suoi prodotti entrano nella quotidianità
allora fanno parte di uno stile, di un’epoca, di una cultura, creando un mito. E questo stile, questa cultura, sono stati declinati in mille forme.
Il “Jeep® STYLE” non solo lo si guida; oggi lo si veste e lo si vive. E Jeep®, per due stagioni di fila, ha scelto l’Alpe Cimbra per interpretare il suo “mood”.
Il perché è semplice, territorio incontaminato, ancora intonso e grande accessibilità. Il fotografo e art director incaricato del servizio lo ha definito un piccolo angolo di Canada.
E il paragone non è forzato. Siamo spesso “inquinati” nel valutare un luogo, le condizioni al contorno e le emozioni che questo suscita. E
allora partiamo prevenuti impossibilitati nel pervenire a considerazioni obiettive. Quando si fanno valutazioni professionali o si viaggia per
lavoro, il baricentro di esso è fortemente spostato su aspetti oggettivi che rendono un luogo, o una situazione o anche un evento atmosferico, funzionali e vincenti.
Quando si realizza una produzione fotografica la logistica è il secondo fattore determinante dopo le caratteristiche del luogo.
L’accessibilità dei contesti in cui si opera diventa fondamentale poiché occorre spostare una grande quantità di attrezzature.

L’uomo Jeep®
Ho sempre amato la mia terra, quella che abito quanto quella lontana. E spesso mi ritrovo a viaggiare con la mente in quei territori in cui i
colori sono scanditi dal ritmo delle stagioni.
Il mio spirito è là, sempre. E uno spirito non si rinnega mai.
È per questo che il mio look racconta di me ogni giorno, noncurante dei contesti e dei costumi. Il mio essere pragmatico mi si legge  addosso: ciò che faccio e come lo faccio; ciò che indosso e come lo indosso. Io sono Jeep® 24 ore al giorno.
E quando posso fuggo verso quei luoghi che mi appartengono per cui la mia essenza pulsa. Sono arrivato, sono qui, dove la natura mi parla in silenzio. Le grandi arterie urbane e gli interminabili skyline sono solo un ricordo lontano sotto di me. Corro, corro veloce, divorando sentieri e laghi, pianure e picchi, col mio infaticabile 4x4.
La soddisfazione di procurarmi il cibo, crearmi un riparo, proteggermi dagli elementi come l’uomo ha sempre fatto. Poi mi siedo su un sasso, semplicemente, contemplando l’energia che mi circonda. E come dicevano gli antichi indiani d’America, resto ad attendere la mia anima.

www.jeep-outfitter.com

 
 
 
Newsletter
Iscriviti alla newsletter per rimanere sempre aggiornato su offerte, novità ed eventi
 
 
 
 
 
Abbonati
 
 
    #alpecimbra