Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

Ciaspomagna Cimbra: in 500 in cammino tra piatti tipici

Le luci dentro il buio compongono figure effimere che vanno e vengono mentre il freddo della notte ti ricorda che esisti.
 
È la “Ciaspomagna” che si è rivelata un successo. Ha chiuso le prenotazioni a 500 aderenti, quasi il doppio non ha potuto partecipare. Raccontare l’evento è raccontare ore divertenti in un panorama suggestivo.
Si parte da Malga Millegrobbe nella terra degli ultimi Cimbri rimasti, un sorso d’aperitivo uno sguardo alla luna calante, l’ascolto dell’ululato dei lui e poi via con cellulari accesi, frontalini che illuminano la via.
 
Si sale in silenzio verso le trincee si è toccati lievemente dalla brezza che, se l’ascolti bene, ti porta i patemi dei giovani soldati caduti quassù per difendere chissà cosa. La neve scricchiola sotto le ciaspole.

Si prosegue la marcia nella “Tannebalt”: è un lungo serpentone, il fuoco acceso in punti sicuri indica la via.

La Ciaspomagna Cimbra è l’alito del vento. Il frullare di un gufo, gli occhi luccicanti di una volta. Soprattutto è una kermesse enogastronomica lunga 6 km.
 
Ecco, c’è forte Werk Lusérn che aspetta. Veniva chiamato il padreterno, issò la bandiera bianca in segno di resa durante la grande guerra, ma non venne conquistato mai. La storia qui la respiri mentre degusti con il pane caldo una zuppa di legumi.

Poi tappa a Malga Campo dal popolare “Karpac” il Tscherlarman, il ragazzo che ha cambiato la storia. Piatto di canederli, musica soft, panorama da incorniciare con le stelle che bussano all’anima, si scende a Lusérn terra magnifica, suggestiva, struggente, all’Agritur Galeno degustazione con un piatto tipico “tonco del pontesel cimbro” e poi mano nella mano si passa per la località "Sbànt” per rientrare a Malga Millegrobbe.


Serata addolcita a fine cispolata dai deliziosi dolci preparati dalla Baita del Neff.

Torni a casa porti dentro di te mille immagini, la suggestione di un luogo, il racconto di mille storie. Magia dell’Alpe Cimbra, in Trentino, ed un vento che non cessa di accarezzarti.


Tiziano Dalprà

Ti potrebbe interessare: GRANDI EVENTI
 
 
 
 
Centro fondo Millgrobbe
Scopri gli anelli
Ciaspolare in compagnia
Scopri tutte le esperienze
 
 
 
Newsletter
Iscriviti alla newsletter per rimanere sempre aggiornato su offerte, novità ed eventi
 
 
 
 
 
Abbonati
 
 
    #alpecimbra