Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

In alto dolcemente: la storia di Vigilio Gheser

Con Vigilio Gheser, pilota delle frecce tricolori con la passione del trekking e della mountain bike. Un Trentino a suo modo unico dove si può fare a meno dell’adrenalina e portare le famiglie.

NOME: Vigilio
COGNOME: Gheser
NATO IL: 09/09/1978
SEGNO ZODIACALE: vergine
NATO A: Trento
VIVE A: Istrana (Treviso)
ATTIVITÁ: Trekking
LIBRO: “La Magnifica Comunità degli Altipiani Cimbri”
 
Il Trentino, per varie ragioni, viene associato in modo pressoché esclusivo alle Dolomiti ma presenta, in realtà, molteplici tipologie orografiche.
Ne è una prova l’estremo lembo sud orientale della regione dove si trova l’Alpe Cimbra, costituita dai comuni montani di Folgaria, Lavarone e Luserna.
 
Montagne che superano di poco i 2000 metri – la montagna più alta del territorio è il Becco di Filadonna (2150 m) - vastissime distese boschive che conferiscono un aspetto armonioso e riposante ai declivi, una rete di sentieri e stradine sterrate perfette per la pratica di attività outdoor soft come la mountain bike o il trekking. Insomma il paradiso delle famiglie, oltre che di chiama stare nella natura a tutto tondo.

Qui, sulle terre alte dell’Alpe Cimbra, Vigilio Gheser ha cominciato a salire coigenitori fin da bambino. Il padre, Silvano Gheser, fu compagno di cordata di Walter Bonatti e fra i “naufraghi del Monte Bianco” nel dicembre del 1956. Insomma, la montagna era una passione di famiglia. “Non solo quella verticale, alpinistica – ci confida Vigilio – ma anche quella dei pendii dolci, dove era bello andare a camminare, a cercare i funghi, magari qualche volta a fare piccole scalate”.

Chi meglio di Vigilio Gheser, pilota di aerei da guerra in servizio all’aeronautica militare con recenti trascorsi nelle “Frecce tricolori”, poteva “accompagnarci” a visitare questi luoghi, farceli vedere attraverso i suoi occhi?
 
Lo sport è utile nella tua professione?
«Certamente occorre preparazione atletica per sopportare i pesi che si moltiplicano di parecchie volte in volo».

Come ti piace girare in Alpe Cimbra?
«Amo la mountain bike e, con le infinite stradine sterrate che si trovano nei territori di Lavarone, Luserna e Folgarìa, ho solo l’imbarazzo della scelta, ma mi piace anche la bici da strada, e per entrambe ci si può sbizzarrire da i 1200 e i 1600 metri senza percorrere la stessa strada per giorni».

Guardiamo al territorio più a 360°…

«Trekking, mountain bike, nuoto (al Lago di Lavarone), passeggiate a cavallo, nordic walking, orienteering e molto altro, come sci, golf, pattinaggio, tutto questo è possibile qui, immersi nei paesaggi di sempreverde caratteristici della zona».
 
E nello specifico, dove consiglieresti di andare in mountain bike e a camminare...
«Come ho detto ci sono un’infinità di itinerari, ma sicuramente i più interessanti sono quelli attraverso i forti della Prima guerra mondiale, lungo la piana di Millegrobbe, dove ancora oggi si vedono gli effetti dei bombardamenti della Grande Guerra, il centro di documentazione di Luserna sulla comunità germanofona e molti altri itinerari percorribili a piedi e in bicicletta a ridosso dei centri abitati che si affacciano sulla Val Sugana o sulla Valle di Terragnolo, a ridosso del Pasubio e ancora, il Museo della Base Tuono, le passeggiate tra i centri storici dei comuni, oppure qualcosa di più impegnativo come il Cornetto e il Becco di Filadonna, per osservare la valle dell’Adige e avere una prospettiva unica sulle Dolomiti del Brenta; insomma ce n’è per tutti i palati grazie al paesaggio dolce ma allo stesso tempo severo della montagna.
Da non perdere gli itinerari che da Folgaria portano al Lago di Garda».

C’è la possibilità di andare di malga in malga e di percorrere un itinerario di più giorni?
«Non esiste un itinerario particolare, ma con una leggera pianificazione è possibile vagare di malga in malga per diversi giorni, fermandosi nei vari alberghi o nei rifugi in quota gustando, lungo il cammino, un’infinità di prodotti locali dei pascoli e degli orti della zona e - perché no - anche della selvaggina che vive nei nostri boschi».

Una meta per l’estate in Alpe Cimbra…

«Mi prefiggo due mete, non una: il Becco di Filadonna e, sul confine con il Veneto, Cima Portule, ottimi luoghi per praticare il trekking».


Ti potrebbe interessare: Attività sportive estive
 
 
 
Esperienze uniche...
Scopri di più
Esperienze per tutti...
Scopri di più
 
 
 
Newsletter
Iscriviti alla newsletter per rimanere sempre aggiornato su offerte, novità ed eventi
 
 
 
 
 
Abbonati
 
 
    #alpecimbra