Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

IL «KIRCH BAIGH TOG KA’ SANKT VALENTIN», L’antica festa delle fave

19.05.2017 - C’è una chiesetta, sull’Alpe Cimbra, che si eleva ardita, sul bordo di una rupe.
Domina la profonda valle del Rosspach e un tempo, parliamo di più di cinquecento anni fa, faceva sentire i suoi rintocchi sull’Alpe come giù in valle, a servizio degli alpigiani come dei mugnai, nei loro mulini ad acqua lungo il corso del torrente. Per questo fu costruita sull’orlo della cengia…
Parliamo di altri tempi, di tempi in cui queste selve erano abitate da insoliti personaggi, boscaioli e carbonai venuti da lontano, i cosiddetti Cimbri, di lingua e cultura tedesche, i cui eredi abitano ancora oggi la piccola comunità di Luserna/Lusérn.

Furono loro che costruirono la chiesa, che la edificarono sulla balza di roccia e che la dedicarono a San Valentino e a San Biagio.

La dedicarono soprattutto a San Valentino, che la tradizione vuole sia il patrono protettore degli innamorati.

Avranno veramente pensato agli innamorati quei rudi boscaioli quando decisero di dedicarla al santo? Chissà, fatto è che da tempo immemore nella piccola chiesetta si fa festa proprio il 14 febbraio, il giorno degli innamorati!

C’è poi un’altra data in cui, per antica tradizione, a San Valentino si fa festa.

Succede in prossimità della terza domenica di maggio, nel giorno anticamente noto come il «Kirch baigh Tog ka’ sankt Valentin», la ricorrenza della «dedicazione», cioè della consacrazione.

In quell’occasione da Folgaria scendeva, in processione, un gran numero di popolo, parroco e primissario in testa.

E alla fine della celebrazione la Magnifica Comunità, cioè i «reggenti» della Comunità, offrivano ai convenuti un piatto di minestra di fave, un pezzo di pane e un bicchiere di vino! Quell’antico rito non si svolge più come allora, però nella piccola chiesa si fa ancora festa.

La messa viene ancora celebrata dal parroco di Folgaria e alla fine della celebrazione la gente del posto, la gente di Carpeneda, a ricordo della tradizione, offre ai convenuti un sacchettino contenente alcune fave!

Vi incuriosisce? Perché non venite a vedere? Quest’anno la «festa delle fave» si fa sabato 20 maggio.

È il «Kirch baigh Tog Ka’ Sankt Valentin»!

 
 
 
Newsletter
Iscriviti alla newsletter per rimanere sempre aggiornato su offerte, novità ed eventi
 
 
 
 
 
Abbonati
 
 
    #alpecimbra