Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

FOLGARIA Il “John Club” si offre come punto di primo soccorso

Il defibrillatore arriva al bar

12.02.2019 - Folgaria- La notizia è di quelle curiose, interessanti ed utili.
Immaginiamo di passeggiare lungo Via Emilio Colpi a Folgaria, una via trafficata detta anche dello shopping, e di essere colti all’improvviso da un arresto cardiaco. C’è bisogno subito di un defibrillatore e di addetti che lo sappiano usare. Proprio in centro, nel cure di Via Colpi, sorge il centenario “John Club”, un angolo bellissimo, ricco di storia e di cultura.
Quando entri in questo pub la cosa che ti salta immediatamente agli occhi è un piccolo angolo alla portata di tutti dove risaltano le scritte: “Rescue ready Powerheat G5-Cardiac AED” ed appeso alla parete trovi un kit contenente un defibrillatore.
“Credo che il John Caffè sia il primo locale pubblico-bar in Trentino ad avere un defibrillatore da mettere a disposizione della comunità e di tutti i turisti.” - racconta l’ex direttore primario del 118 di Verona Alberto Schoensberg , proprietario e gestore del locale. “Abbiamo formato ben dodici dipendenti, grazie all’aiuto dell’Associazione italiana soccorso (Ais) di Verona, facendoli partecipare ad un corso specifico sull’utilizzo del defibrillatore che si è tenuto qui a Folgaria. Questa iniziativa è nata dalla consapevolezza che anche in funzione di eventi spiacevoli, come possono essere le malattie legate agli arresti cardiaci in genere, non bisogna mai trovarsi impreparati. La tempistica nell’intervento e la professionalità sono spesso fattori determinanti per salvare una vita. Il defibrillatore è a disposizione di chiunque sia in grado di poterlo usare, è uno strumento salva-vita che ci è sembrato corretto appendere nel nostro esercizio affinché i turisti, i residenti, potessero godere in caso di necessità di questo servizio sanitario di base”.
Una bella ed importante iniziativa che ha coinvolto in questo progetto di crescita i dipendenti (camerieri, baristi, pasticceri) che in caso di bisogno possono utilizzare “Aed” senza difficoltà e con precisione.
Folgaria e l’Alpe Cimbra non è nuova a queste attenzioni e a creare le condizioni di “sicurezza” anche per i turisti: da alcuni anni grazie alla Fissa -Soccorso Sci Alpino Fissa di Verona-, al nucleo Carabinieri di Folgaria e alla Maragoni S.p.a che ha regalato i defibrillatori, sulle motoslitte del soccorso sono montati questi preziosi ausili salva vita.
Proprio grazie alla presenza del defibrillatore sulle piste l’anno scorso uno sciatore colpito da un attacco cardiaco mentre sciava è stato salvato.
Ovviamente il ringraziamento va a tutti coloro che in questi hanno creduto nel progetto, anche nel ricordo di un grande amico e soccorritore della Fissa l’amico Eugenio Bistaffa.

Ti potrebbe interessare: John Caffè
 
 
Newsletter
Iscriviti alla newsletter per rimanere sempre aggiornato su offerte, novità ed eventi
 
 
 
 
 
Abbonati
 
 
    #alpecimbra