Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

DI ROCCIA, DI PIETRA, CEMENTO E ACCIAIO

16.04.2017 - La roccia e la pietra, il cemento e l’acciaio. Quattro sono gli elementi che danno forma e corpo a Forte Belvedere Gschwent, il forte museo della Grande Guerra che si affaccia minaccioso sulla valle dell’Astico.

Cent’anni dopo la grande fortezza racconta con luci, immagini e suoni la guerra degli uomini nascosti nel ventre della montagna…
La stretta strada, ritagliata sul bordo dell’alta parete di roccia, ci fa intuire che alla fine troveremo qualcosa di insolito, qualcosa che ci farà emozionare.
E a ragione. Alla fine ci aspetta una fortezza della prima guerra mondiale, ci aspetta Forte Belvedere.

È una grande struttura costruita per fare la guerra, un complesso di pietra, cemento e acciaio che ha fatto la guerra. Nella quale sono vissuti centinaia di uomini in armi.

Con l’immaginazione possiamo tornare a quei giorni di cent’anni fa, a quel cielo pieno di scoppi ed esplosioni, rumori assordanti, fischi e boati che lacerano l’aria.

Se poi entriamo, se ci infiliamo per corridoi e cunicoli, se scendiamo le rampe di scale che scavano la profondità del monte, se ci affidiamo agli allestimenti multimediali, ai suoni e ai rumori che vengono rievocati ad arte, quelle sensazioni diventano ancor più vive, diventano emozioni.
Evitiamo lo sguardo distratto sugli oggetti, sui testi scritti, sulle didascalie. Lasciamo che sia piuttosto l’udito a guidarci, a raccontarci vicende e momenti drammatici, che per fortuna giacciono ora sepolti nei libri di storia.

Il suo valore storico e culturale è tale che Forte Belvedere è candidato, assieme ad altri 28 forti del Trentino, a comparire tra i beni monumentali da porre sotto la tutela dell’UNESCO.

La visita

Ed ora alcune notizie utili per la visita.
A primavera e in autunno Forte Belvedere, punta d’eccellenza del circuito dei Forti del Trentino, testimone del Centenario della Grande Guerra, è visitabile dal martedì alla domenica.

A luglio e agosto è invece visitabile tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.00.
Visite guidate sono possibili per gruppi e singoli. Info e prenotazioni Tel. 0464 780005 – 349 5025998.

Da tenere ben presente che è visitabile gratuitamente con la Trentino Guest Card

Un’occasione da non perdere, la Marcia dei Forti

C’è un evento che è dedicato ai Forti dell’Alpe Cimbra ed è la Marcia dei Forti, quest’anno giunta alla 19^ edizione, camminata podistica non competitiva adatta a tutte le gambe (propone vari percorsi, adatti a tutte le gambe), in calendario a Folgaria il 7 luglio 2017.

Permette di visitare i Forti Sommo alto, Cherle e Dosso delle Somme e porta i marciatori tra i panorami più belli del Trentino, offrendo vedute suggestive sulle principali montagne che fanno da corona all’Alpe come le Dolomiti di Brenta.
Il percorso breve è assolutamente a portata di famiglia!

A piedi ma anche in mountain bike!

Possiamo raggiungere Forte Belvedere e così gli altri Forti dell’Alpe Cimbra seguendo vari percorsi trekking, ben segnalati, come il Giro dei Camini, la Salita al Forte, il Giro del Cherle, il Giro dei Forti e il percorso tematico Dalle storie alla storia. Se poi ci vogliamo arrivare in sella alla mountain bike - ebike, non abbiamo che l’imbarazzo della scelta. Vi consigliamo il percorso n. 826 Millebrobbe – Forte Lusern, il n. 836 Scalata del Cherle, il n. 838 Tour dei Forti, il n. 842 – 843 – 844 del circuito 100 Km dei Forti o il n. 850 Tour delle Somme.
 
 
 
Newsletter
Iscriviti alla newsletter per rimanere sempre aggiornato su offerte, novità ed eventi
 
 
 
 
 
Abbonati
 
 
    #alpecimbra