Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

L'ACQUA RACCONTA

17.04.2017 - Qualche tempo fa qualcuno avanzò l’ardita teoria della «memoria dell’acqua».

Si diceva che, per qualche misteriosa sua proprietà, l’acqua mantiene traccia degli ambienti e degli oggetti con cui viene a contatto.

Teoria ardita, che ci stuzzica la mente, l’immaginazione. Ma qui sull’Alpe Cimbra riusciamo a fare di più, noi l’acqua la facciamo parlare, qui da noi l’acqua racconta …
Racconta tante storie. E lo fa su un percorso che le abbiamo appositamente dedicato e che non poteva che chiamarsi «Sentiero dell’Acqua».

È un sentiero breve (2,2 km, soli 92 m di dislivello), tra i più originali e coinvolgenti del Trentino, da fare da soli o in gruppo, con la famiglia, con i bambini.
Prende avvio da Carbonare, dal cuore dell’Alpe, e si insinua lungo il torrente Astico.
Ciò che lo rende magico è in primo luogo l’ambiente che lo circonda cioè il bosco, il torrente, le rocce, l’antico villaggio cimbro di Cùeli e il mulino Cùel, con le sue macine e il forno del pane.

Per strada pannelli illustrativi ci raccontano dell’antico maso della Porta del Leon, di una centrale elettrica appena abbozzata, dei resti della vecchia segheria dei Rech o di ciò che rimane di una calchèra, una fornace per la produzione della calce. Finché raggiungiamo il minuscolo villaggio di Cùeli.

Il mulino Cùel

E a Cùeli c’è il mulino, il Mulino Cuel. La grande ruota idraulica, le macine, le pulegge, il forno del pane raccontano di un tempo in cui la vita di questi luoghi era molto diversa.
Di tempi in cui i ritmi del vivere segnavano le stagioni e il vecchio mulino macinava e macinava.
Possiamo entrare, possiamo vedere le macine che girano, la tramoggia che vibra, il macinato nel buratto e infine la farina, pronta al consumo.
È tutto un movimento, un girar di ingranaggi e di pulegge… che spettacolo!

Il mulino è aperto d’estate, il sabato e la domenica, con orario 10.30 – 12.00 e 14.30 – 17.30. Info all’Azienda del Turismo, Tel. 0464 724100 – 724144. Per gruppi cell. 349 7153679

Camminare tra natura, storia e sapore

C’è un’occasione speciale in cui è possibile visitarlo, un evento che sposa la gastronomia e i prodotti trentini con la vacanza in montagna, la bella vacanza in Trentino ed è Degustando l’Oltresommo, passeggiata gastronomica, in programma sull’Alpe il 17 luglio 2017.

In mountain bike

Se poi siamo degli appassionati della mountain bike, possiamo percorrere il Sentiero in sella alla nostra bicicletta. È sufficiente seguire le segnaletiche del percorso mtb n. 825 Carbonare – Cùeli.

È facile, alla portata di tutti, forza, pedaliamo!

E poi ci sono le fontane e il Sentiero delle Sorgenti

A dispetto del suolo, prevalentemente carsico, l’Alpe è ricca di sorgenti.

E dove ci sono le sorgenti ci sono le fontane, c’è uno zampillar d’acqua! Anche a loro abbiamo dedicato un percorso.

Si trova a Lavarone, ed è il Sentiero delle sorgenti, passeggiata facile (3,8 km, 58 m di dislivello), anche questa ideale per famiglie e bambini (+ 6 anni).
 
 
 
Newsletter
Iscriviti alla newsletter per rimanere sempre aggiornato su offerte, novità ed eventi
 
 
 
 
 
Abbonati
 
 
    #alpecimbra