Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

Il Giardino Botanico di Passo Coe

Inusuale trovare un giardino botanico a 1600 m di quota.

Ma il Giardino botanico sull’Alpe di Coe, alle pendici del boscoso monte Maronìa, è un’area protetta del tutto particolare, che non espone specie esotiche ma esclusivamente specie floreali e vegetali dell’ambiente alpino.

Un circuito didattico che racconta, mediante percorsi a tema, la variegata bellezza della montagna.
Il Giardino si articola su percorsi a tema che portano il visitatore a scoprire i mille aspetti della natura alpestre, dai fiori alle piante d’alto fusto, dalle bacche ai cespugli, dagli arbusti agli alberi d’alto fusto.

Le piante crescono su piccole rupi e agglomerati rocciosi, su prati e pascoli, boschi di conifere, cespuglieti, pozze d'alpeggio e ghiaioni, inserite in quello che è il loro habitat naturale.

Piante officinali, fitoalimurgiche (mangerecce) e velenose, raccolte in aiuole dedicate, raccontano lontane consuetudini e superstizioni di montagna, mentre grano saraceno, patate, orzo e cavoli sfidano la breve stagione estiva, a testimonianza dell'antica tradizione alimentare dell'Alpe.

Il Giardino di Passo Coe non è solo botanica: al suo interno fenomeni di carsismo, come doline, campi carreggiati e affioramenti di calcari ricchi di fossili rendono l'area affascinante anche sotto l’aspetto geologico.


​Apertura:


A seguito della tempesta Vaia dello scorso ottobre il giardino botanico non sarà accessibile fino ad un nuovo aggiornamento



INFO:
Museo Civico di Rovereto
Tel. +39 0464 452800
biglietteria@museocivico.rovereto.tn.it
www.museocivico.rovereto.tn.it
 
 
 
 
 
Newsletter
Iscriviti alla newsletter per rimanere sempre aggiornato su offerte, novità ed eventi
 
 
 
 
 
Abbonati
 
 
    #alpecimbra