Alpe Cimbra

RASSEGNA LIBRARIA

INCONTRI D'AUTORE

Lavarone, agosto 2017

 

RassegnaLibraria
  
Cosa c’è oltre l’ultima pagina di un libro? Alcune volte quella sensazione di piacevolezza data dal racconto, a volte sgomento.

Spesso ci si confronta con nuove consapevolezze che ci mostreranno l’altro lato delle cose o, più semplicemente, domande e curiosità destinate a rimanere lì, sospese.

A meno che a rispondere a quelle domande o sciogliere quelle curiosità non siano la voce e le parole dell’autore o autrice del libro

A Lavarone ad agosto torna la rassegna libraria organizzata dal Comune e dalla Biblioteca "Sigmund Freud" di Lavarone (Tn) in collaborazione con libreria Giunti al Punto di Asiago, Apt Alpe Cimbra, Publistampa Arti Grafiche e Giampaolo Osele e con la pasrtecipazione di Associazione Altipiani Cimbri Prodotto Qui e Conad City Lavarone.

 
IncontriDAutore
 
 
Uno spazio dedicato alla riflessione e al confronto, un luogo dove potersi fermare per un momento, incontrare tante voci diverse, ascoltare, approfondire, dialogare, dibattere. Questo è "Incontri d'autore”, la rassegna libraria alla quale partecipano nomi di spicco del giornalismo, della politica, della cultura e della narrativa italiana contemporanee, per affrontare e discutere temi di vibrante attualità.
Vi partecipano volti noti e rappresentativi dell’attuale panorama culturale italiano, invitati a presentare il loro ultimo libro in un incontro-dibattito con il pubblico presente, dando vita a un vero e proprio happening letterario. L’iniziativa gode del patrocinio dell’Ufficio per il Sistema Bibliotecario Trentino e della Partecipazione Culturale e della Regione Trentino Alto Adige.
Il Corriere del Trentino e il portale regionale di cultura, arte e spettacolo Crushsite sono i media partner dell’evento.

Molti i nomi che in questi anni sono saliti sul palco del Centro congressi di Gionghi: tra gli altri Enzo Biagi, Giovanni Floris, Marco Travaglio, Tony Capuozzo, Gherardo Colombo, Magdi Allam, Gianni Vattimo, Oliviero Beha, Stefano Bollani, Franco Grillini, Antonio Caprarica, Gianantonio Stella, Natalino Balasso, Mauro Corona, Luca Mercalli, Erri De Luca, Flavio Caroli, Giulio Giorello, Andrea Vitali, Corrado Passera, Gianluca Nicoletti, Maria Venturi, Franco Mandelli, Sveva Casati Modignani, Giuseppe Bortolussi, Franco Rella, Armando Massarenti, Fabio Picchi, Sergio Romano, Luca Bianchini, Antonia Arslan, Antonio Di Bella, Paolo Rumiz, Paolo Mieli.


Tutti gli appuntamenti si concluderanno con l’Aperitivo d’autore, durante il quale si potranno gustare e conoscere le specialità gastronomiche del territorio: il formaggio Vezzena, i salumi degli Altipiani Cimbri, lo strudel di mele, accompagnati dagli ottimi vini trentini. 
 
01/08 ore 21.15 - Gherardo Colombo gherardo colombo
 
Gherardo Colombo con il libro La tua giustizia non è la mia. Dialogo fra due magistrati in perenne disaccordo

Un confronto serrato, una conversazione aperta e sincera, non priva di accenti polemici, sui temi più scottanti della giustizia in Italia.

Grazie alla loro lunga esperienza nelle aule dei tribunali, Gherardo Colombo e Piercamillo Davigo, due tra i più noti magistrati del pool di Mani Pulite, forniscono in queste pagine non soltanto una diagnosi scrupolosa dei tanti mali che affliggono la giustizia del nostro paese, ma avanzano suggerimenti e proposte di riforma, senza nascondere conflittualità e divergenze d'opinione, talvolta radicali.

Lontani da ogni astrattismo, calati nella realtà della vita quotidiana, i loro interrogativi ci aiutano a capire perché le questioni più delicate e controverse che investono il mondo del diritto - le stesse che hanno ispirato pensatori come Aristotele, Kant, Sant'Agostino e Foucault - ci riguardano così da vicino. È la giustizia, infatti, che traccia i confini della nostra libertà. È la giustizia che indica il grado di civiltà di uno Stato e la cultura diffusa che permea le sue istituzioni. Ma quand'è che una legge può dirsi davvero "giusta"? Basta minacciare una pena per dissuadere il ladro o il truffatore dal commettere un reato? Il carcere è l'unica soluzione? È dunque più efficace educare o punire? Quanto è diffusa la corruzione in Italia, e come mai, nonostante la stagione di Mani Pulite e le tante inchieste che hanno svelato l'intreccio perverso tra politica e affari, non accenna a diminuire?


02/08 ore 21.00 - Sergio Romano Sergio Romano
 
Sergio Romano con il libro Putin e la ricostruzione della Grande Russia

Dire Russia per molti significa dire Vladimir Putin. Da più di quindici anni al governo di un Paese di enormi dimensioni, che si estende dal Mar Baltico al Pacifico, l'"uomo più potente del mondo", come dal 2013 lo definisce Forbes, ha infatti impresso il proprio marchio sulla storia recente dell'ex impero sovietico.

Non solo. Con una strategia politico-istituzionale aggressiva e spregiudicata, che in più occasioni è parsa lontana dagli standard delle democrazie occidentali, è diventato uno degli attori principali sullo scenario geopolitico contemporaneo.

Ma quali sono le ragioni profonde di questo successo? Quale il segreto di un potere così incontrastato? Secondo Sergio Romano, che ha concluso la sua lunga e prestigiosa carriera diplomatica come ambasciatore proprio a Mosca, Putin si è impegnato a fondo nella ricostruzione dell'identità russa, rinnovando un bagaglio di simboli, valori e ideali rimasti sepolti per secoli.

Consapevole del peso della tradizione, che da Pietro il Grande al tramonto dello zarismo ha forgiato istituzioni e culture politiche della nazione, Putin ha saputo gestire a proprio vantaggio la memoria pubblica della Rivoluzione d'Ottobre, rafforzando al tempo stesso il ruolo della Chiesa ortodossa, cui ha garantito un nuovo spazio sociale.

Ha rispolverato, insomma, un'ideologia e una missione.

E da queste premesse, ci fa capire Romano in pagine documentate e illuminanti, che dobbiamo necessariamente partire se vogliamo capire qualcosa di più della Russia odierna e del nostro presente, dalla guerra al terrorismo in Cecenia al conflitto con l'Ucraina per l'annessione della Crimea, dalla dottrina militare anti-Nato all'attuale intervento in Siria, che agita i fantasmi di una guerra fredda collocata troppo in fretta negli archivi della Storia.

03/08 ore 21.00 - Lucia Coppola

Coppola Lucia 2

La Scala di Pietra

Storia minima dagli Altipiani Cimbri

Presso la sala delle biblioteca

04/08 ore 17.30 - Fabrizio Torchio

torchio

Ad est del romanticismo

Alpinisti vittoriani sulle Dolomiti

Presso Giardino del Polo Scolastico

06/08 ore 17.00 - Veronica Pivetti

Provaci ancora Prof 5 Veronica Pivetti1 e1381431123585

Nota attrice e conduttrice televisiva, alla sua seconda prova come scrittrice, che presenterà il libro Mai all'altezza.

Fuori misura, ma mai all'altezza! Su questo paradosso Veronica Pivetti ha costruito una carriera, e questo libro.

Un libro che racconta di una casa andata in fumo, di un'infanzia funestata dalle cattive ragazze, di una vita costellata di grandi e piccoli traumi, di incontri con una serie di personaggi bizzarri, meschini, improponibili, o semplicemente ridicoli.

Ma che racconta anche come dalle macerie si possa ricostruire, come dai traumi si possa guarire, come dalla cattiveria ci si possa difendere, semplicemente applicando a ogni cosa il magico filtro dell'umorismo.

Veronica, l'ironica, riesce a ridere e a farci ridere delle sue disavventure.

Certo, la vita può essere un inferno per chi si sente costantemente inadeguata, troppo spesso in debito di autostima.

Ma il riscatto - anche dall'inferno - è possibile, basta riderci sopra e saperlo raccontare.

Nel suo primo libro Veronica ha descritto la sua depressione facendoci divertire.

In Mai all'altezza ricorda i traumi di una vita con la stessa verve irresistibile.

E si conferma una scrittrice di razza, degna erede della migliore tradizione letteraria umoristica.

Si tratta della sua prima partecipazione alla rassegna.

10/08 ore 21.00 - Pino Petruzzelli

Petruzzelli 2

Autore e attore teatrale, è di casa ormai a Lavarone, dove ha interpretato La storia di Tonle e, l'anno scorso, lo spettacolo su Mario Rigoni Stern.

Quest'anno Petruzzelli ritorna con uno spettacolo diverso, il ragazzo che amava gli alberi, dedicato al tema delle nuove migrazioni.

Lo spettacolo racconta la storia di Rachid, studente della scuola media “Falcone/Borsellino”.

Di lui non si sa niente, finché un professore non si mette in ascolto e scopre qualcosa in più di quel ragazzo, del suo sorriso, della sua patria, della sua terra.

Il professore scopre la famiglia di Rachid: padre e fratello.

Scopre che Rachid non ha neanche sedici anni e la mattina, prima delle lezioni, lavora al mercato del pesce e poi a scuola dorme.

Scopre che Rachid è amico di Arzeni, il migliore studente della classe.

E soprattutto, durante una gita scolastica, scopre la passione di Rachid per gli alberi.

Rachid si immerge nei boschi e abbraccia gli alberi. E li tiene stretti.

Il professore scopre che Rachid ama gli alberi. Rachid vuole diventare un albero dalle radici ben piantate nel terreno. Rachid è legato alla terra perché nella vita gli è venuta a mancare. La terra che lo ha partorito non c’è più e ora c’è solo erranza. E allora non rimane che il sogno di quella terra.

Un sogno che è stato salvezza, quando in mare, senza una barca, nel buio di quella notte maledetta, raggiunse una qualche riva di una qualche altra terra.

Lo spettacolo di Petruzzelli vuole essere un ulteriore momento di sensibilizzazione all’accoglienza e comprensione di culture e popoli, fenomeno che interessa la società contemporanea ed anche ultimamente la nostra comunità.

11/08 ore 17.15 - Sergio Tanzarella

tanzarella0

Don Milani 50 anni dopo

"Lettera ai cappellani militari. Lettera ai giudici"

"Don Milani. Tutte le opere"

Presso Centro Congressi

12/08 ore 17.00 - Antonio Gnoli, Antonio Da Re, Giovanni Gurisatti

Petruzzelli 23

Antonio Gnoli è filosofo, responsabile per anni delle pagine culturali del quotidiano la Repubblica, Antonio Da Re e Giovanni Gurisatti sono professori di filosofia all’Università di Padova.

Tutti e tre sono stati amici e colleghi di Franco Volpi, filosofo noto a livello internazionale, studioso in particolare del pensiero di Schopenauer e Heidegger, scomparso nel 2009, il quale amava trascorrere le vacanze ma anche intensi periodi di studio e di lavoro a Lavarone.

Il loro vuole essere un omaggio a questo grande studioso, e l’occasione è data dalla recente uscita del libro Ricordando Franco Volpi. Filosofo 04.10.1952-14.04.2009 da cui l’incontro prenderà le mosse.

16/08 ore 21.00 - Dario Pedrotti

Dario Pedrotti 0001 790x500

Confessioni di un runner d'alta quota sull'ebrezza della corsa in montagna

Presso Sala della biblioteca

18/08 ore 17.00 - Mauro Corona

Mauro corona

Scultore, alpinista e scrittore notissimo.

Corona verrà a presentare il nuovo libro Quasi niente, scritto a quattro mani con l'amico Maieron.

La presentazione è organizzata in collaborazione con la costituenda associazione Il respiro degli alberi.

Corona sarà intervistato da Claudio Sabelli Fioretti e l'incontro, meteo permettendo, si svolgerà al Respiro degli alberi.

In quest’epoca frenetica dominata dai miti del successo, della vittoria a ogni costo e dell’arricchimento, Corona e Maieron portano un contributo diverso e spiazzante.

Parlano di sconfitta, fragilità, desiderio, pace interiore, lealtà, radici, silenzio, senso del limite, amore, rievocando personaggi leggendari come Anna, Silvio, Menin, Tituta, Tacus, Orlandin, Cecilia, Tin, il trio Pakai e molti altri.

Uomini e donne che non hanno trovato spazio nei libri di storia ma hanno saputo lasciare un messaggio illuminante, che può trasformare le nostre vite.

“Filosofastri” le cui minute sapienze tramandano la memoria di chi vive nelle piccole valli, dove non nevica firmato e ci si può chiamare da una costa all’altra.

Questo libro ha un precedente nella voce.

Nasce dall’incontro tra due grandi amici che, in una conversazione appassionata e godibilissima, alternano delicatamente storie, aneddoti, riflessioni e citazioni regalandoci un piccolo e prezioso gioiello.

Una filosofia minima e pratica che al linguaggio gridato preferisce l’arte di sussurrare, in cui l’etica del fare ha sempre la meglio sull’estetica dell’apparire.

Una filosofia che proviene da un passato rievocato senza nostalgie. Un tempo in cui i valori erano vissuti concretamente non per moralismo ma perché aiutavano a stare meglio.

Quasi niente è l’ultima traccia di un mondo ben diverso da quello in cui viviamo oggi.

Un mondo duro, feroce, ma che ha ancora molto da insegnarci.

L’incontro con l’istrionico e poliedrico autore sarà anche l’occasione per parlare di ambiente, natura, arte.

Presso Respiro degli alberi

19/08 ore 17.15 - Francesca Fornario

092201914 a07f7f85 e2cb 427f a874 31c4959b1e63

La banda della culla

Presso Centro Congressi

23/08 ore 17.15 - Marco Lillo

http 2F2Fo.aolcdn.com2Fhss2Fstorage2Fmidas2F2e4b7678707968708601c889e3b151982F2054433232Fmarcolillo

Di padre in figlio

Le carte inedite sul caso Consip e il familismo renziano

Presso Centro Congressi

26/08 - Massimo Carlotto in Blues per cuori fuorilegge

Massimo Carlotto 1

Massimo Carlotto in Blues per cuori fuorilegge di e con Massimo Carlotto (voce narrante) e con Maurizio Camardi (sassofoni, duduk, flauti etnici), Francesco Garolfi (voce, chitarra, armonica a bocca).

A vent’anni della creazione del personaggio di Marco Buratti detto l’Alligatore Massimo Carlotto ha scritto un reading che racconta la storia di questo investigatore senza licenza.

Gli amori, le amicizie, le vittorie e le sconfitte ma soprattutto il rapporto con il blues, la musica che fa da colonna sonora alle sue inchieste, che lo aiuta ad interpretare il mondo e ad orientarsi nella vita.

Con Massimo Carlotto che riveste i panni di Marco Buratti tra romanzo e realtà, sul palco altri due personaggi della serie: Maurizio Camardi e Francesco Garolfi.

Il sassofonista è noto da anni ai lettori come amico dell’Alligatore ed esperto di belle donne mentre Garolfi compare nell’ultimo romanzo e sul palco rivestono il doppio ruolo di musicisti e personaggi di carta.

 

VEDI LA LOCANDINA DELL'EVENTO

 

INFO

Biblioteca Comunale "Sigmund Freud" - Lavarone 
Tel. 0464 783832
facebook
 
 

APT Alpe Cimbra - Folgaria Lavarone Lusérn
Tel. 0464 724100
info@alpecimbra.it

 


Blog Alpe Cimbra

Mappa 3d Alpe Cimbra

Meteo Alpe Cimbra

Web Cam Alpe Cimbra

BOOKING ON LINE

CREA LA TUA VACANZA   
 nessun costo aggiuntivo